Home / Personaggi / Furiosa lite a Porta a Porta tra Bruno Vespa e l’onorevole Brunetta. Il VIDEO

Furiosa lite a Porta a Porta tra Bruno Vespa e l’onorevole Brunetta. Il VIDEO

Vespa Brunetta5Vespa Brunetta4

Furiosa lite a Porta a Porta tra Bruno Vespa e l’onorevole Brunetta. Il VIDEO.

Durante la puntata di Porta a Porta di ieri sera, l’onorevole Renato Brunetta e il conduttore Bruno Vespa hanno alzato i toni durante il collegamento con l’esperto in ambito finanziario Davide Serra invitato da Vespa per la puntata dedicata al Brexit. Nel momento in cui il conduttore dà la parola a Serra chiedendogli ‘Cosa succede se la bandiera del Regno Unito prevale sulla bandiera europea?’ e questi inizia a parlare, l’onorevole Brunetta inizia a chiedere insistentemente se l’ospite in collegamento fosse un finanziere qualsiasi, al punto da rendere complicato il dibattito. Nasce uno scontro verbale, inizialmente fuori inquadratura, che dà vita a un siparietto che rimarrà nella storia di Porta a Porta. Inizialmente la regia spegne i microfoni dei protagonisti ma, dopo qualche secondo, visto anche l’imbarazzo degli ospiti in collegamento che non sapevano se fosse il caso di continuare a parlare, si decide di tornare in studio, riaccendere i microfoni e arrendersi all’imprevedibilità della situazione:

Brunetta: “Lo deve dire che non è un finanziere qualsiasi, che è amico di Renzi! Diciamolo”.

Vespa: “Onorevole Brunetta, ma sta impazzendo? Sta parlando una persona. Sia educato! Stia al suo posto, per favore. Lei è un ospite. Che titolo ha per interrompere una persona? Quando la propaganda politica arriva a questi livelli…”

Brunetta: “Anche lei stia al suo posto. È la sottomissione politica che arriva a questi livelli”.

Vespa: “Sottomissione a chi? Ma roba da matti”.

Clicca per vedere il video integrale della lite

Vespa Brunetta6

About RedazioneFDG

Check Also

Paola Caruso esagera con Photoshop e scompare l’ombelico. Il web insorge tra critiche e ilarità.

Paola Caruso esagera con Photoshop e scompare l’ombelico. Il web insorge tra critiche e ilarità. …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *