Home / Personaggi / Parla Clarissa D’Avena: “Basta non ne posso più, mia sorella Cristina ha paura di tutto”.

Parla Clarissa D’Avena: “Basta non ne posso più, mia sorella Cristina ha paura di tutto”.

Cristina D'Avena2

Parla Clarissa D’Avena: “Basta non ne posso più, mia sorella Cristina ha paura di tutto”.

Sono due gocce d’acqua, l’una il riflesso dell’altra. Sono sempre insieme, una sempre in prima fila, sul palco, in televisione, l’altra dietro le quinte a preoccuparsi che tutto funzioni alla perfezione. Stiamo parlando di Clarissa e Cristina D’Avena.

Il successo di Cristina esplode già dalla prima infanzia con la partecipazione allo Zecchino D’Oro dove continuerà l’esperienza come membro attivo del Coro dell’Antoniano e Clarissa, di dieci anni più piccola, ha sempre vissuto questi successi con entusiasmo partecipando attivamente ai progetti della sorella. Intervistata dal Corriere della Sera, Clarissa, oggi addetta stampa e manager della sorella, racconta aneddoti divertenti dell’infanzia e dell’adolescenza vissuti insieme a Cristina per poi svelare anche alcuni difetti dell’interprete di canzoni dei cartoni animati più famosa degli anni ottanta. Clarissa racconta dei primi anni dell’infanzia, quando Cristina era già un’idolo per i bambini:

“È sempre stata una mamma, per me. Se penso al primo giorno di scuola, ho impressa la sua faccia all’entrata e all’uscita. Il suo successo è arrivato nel mio passaggio dalle elementari alle medie: i compagni mi chiedevano l’autografo, lei mi regalava le cartelle di Five e io le distribuivo alle mie amiche”.

Clarissa ricorda con tenerezza anche gli anni dei primi amori, svelando con sincerità di aver spesso sfruttato la popolarità della sorella per conoscere i ragazzi che le interessavano:

“Quando potevo, andavo a trovarla a Milano: mi ero invaghita, naturalmente non corrisposta, di un chitarrista della serie tv, Massimo Varini. Ero la più piccola e facevo da mascotte. Un’altra volta volevo riconquistare un ragazzo, Emanuele, che mi scriveva lettere d’amore, ma io preferivo il suo amico. Poi ho cambiato idea e lui non ne ha voluto più sapere. Allora ho supplicato Cristina di farmi aiutare da Alberto Castagna, che ai tempi conduceva Stranamore. Così, una sera, lo raggiungemmo e lui chiamò questo Emanuele per chiedergli se mi dava un’altra possibilità. Non volle…”

Poi l’argomento si fa serio, per modo di dire, e Clarissa rivela la sua antipatia per alcuni dei successi musicali di Cristina che ormai non riesce più ad ascoltare e per alcune paure della sorella che rendono il lavoro più complicato e stressante:

“Ne ho fin sopra i capelli, quando parte la sigla dei Puffi o di Kiss me Licia devo alzarmi e andare a farmi un giro, non ne posso più. Non sai quanto ci devo litigare. Per i concerti in Sicilia mi costringe a macinare 1.000 chilometri in auto perché ha paura del treno, della nave e dell’aereo. In Sardegna non siamo mai riuscite ad andare. E non basta: quando partiamo, devo sempre chiamare la Società autostrade per sapere se c’è un incidente, e nel caso dobbiamo prendere una strada secondaria, anche se fa allungare parecchio. Quando ho ricevuto la chiamata di conferma della partecipazione a Sanremo, ero molto emozionata. Ricordo di aver messo a dieta Cristina e le ho trovato un personal trainer, doveva essere perfetta. In due mesi le ho fatto perdere otto chili, a Natale le ho fatto mangiare solo un pezzetto di panettone e un cucchiaino di mascarpone e ogni volta che la trovavo con il pane glielo strappavo di mano. Il mio sogno? Vedere Cristina in duetto con Jovanotti e cantare insieme A te”.

Una delle foto di Cristina più commentate sul web a causa del décolleté in bella mostra.

Cristina D'Avena3

La partecipazione di Cristina a Sanremo 2016.

Cristina D'Avena7

Un’immagine tratta dalla serie tv di successo “Love me Licia”.

Cristina D'Avena8

Il simpatico intervento di Cristina D’Avena alla conferenza stampa del Festival di Sanremo.

About RedazioneFDG

Check Also

Paola Caruso esagera con Photoshop e scompare l’ombelico. Il web insorge tra critiche e ilarità.

Paola Caruso esagera con Photoshop e scompare l’ombelico. Il web insorge tra critiche e ilarità. …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *