“É sempre mezzogiorno”: fettuccine martellate con vignarola di Gian Piero Fava

 

fettuccine martellate con vignarola di Gian Piero FavaGian Piero Fava attinge alla ricca e sapiente tradizione contadina, per preparare un piatto che racconta la sua terra, il Lazio, e la sua città, Roma. Ecco le fettuccine martellate con vignarola.

Ingredienti

  • 150 g farina di semola, 150 g farina 0, 2 uova, mezzo bicchiere vino bianco, 2 g pistillo di zafferano, prezzemolo, 50 g burro, 100 g pecorino grattugiato, pepe nero
  • 80 g cipollotto, 80 guanciale, 3 carciofi, 400 g piselli, 300 g asparagi, 1 cespo lattuga romana, menta


Procedimento

In padella, facciamo soffriggere il cipollotto affettato finemente insieme al guanciale a listarelle (possiamo ometterlo). Dopo qualche istante, uniamo gli asparagi a rondelle (ad eccezione delle punte). Lasciamo cuocere circa 10 minuti.

In una pentola, con abbondante acqua, sbollentiamo i piselli, i carciofi puliti e tagliati a spicchi e, successivamente, le punte degli asparagi (ci andrebbero anche le fave fresche). Dopo circa 10 minuti, scoliamo ed uniamo a cipolla e guanciale in padella. Lasciamo insaporire. Uniamo la lattuga romana precedentemente sbollentata per pochi istanti e la menta.

Prepariamo le fettuccine: mettiamo in infusione i pistilli di zafferano nel vino bianco. In una ciotola mettiamo la farina 0 e la semola, le uova intere ed il vino con lo zafferano. Cominciamo ad impastare fino ad ottenere un panetto liscio ed omogeneo. Avvolgiamo nella pellicola e lasciamo riposare almeno mezz’ora. Tiriamo la sfoglia sottile (a 4 nella macchinetta) e sulla striscia distribuiamo il prezzemolo tritato finemente. Ripieghiamo la pasta sul prezzemolo e la ripassiamo con la sfogliatrice, in modo da inglobare il prezzemolo. Ritagliamo le fettuccine e le lessiamo in acqua bollente e salata.

In padella, intanto, facciamo sciogliere il burro con un po’ di acqua di cottura della pasta. Scoliamo le fettuccine e le saltiamo in padella con il burro ed il pepe macinato. Togliamo dal fuoco ed incorporiamo il pecorino grattugiato, continuando a mescolare ed aggiungere acqua della pasta, se serve. Serviamo la pasta su un letto di vignarola.

Vota questa post

Per restare aggiornati su questo argomento, seguiteci su Google News andando su questa pagina e cliccando il tasto con la “stellina”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.