“É sempre mezzogiorno”: pane polinesiano di Fulvio Marino

pane polinesiano di Fulvio MarinoL’aria di vacanza ispira Fulvio Marino, che sotto l’occhio vigile della zia Mara (Venier), prepara uno dei suoi lievitati, uno degli ultimi di questa lunga e felice stagione. Oggi tocca ad un pane che ci porta sull’Atlantico, un pane polinesiano.

Ingredienti

  • 500 g farina 0, 200 g latte di cocco, 80 g acqua, 5 g lievito di birra, 11 g sale, 20 g olio di cocco, burro di cocco per spennellare

Procedimento

In una ciotola, o in planetaria, mettiamo la farina 0, il lievito di birra fresco sbriciolato ed il latte di cocco e lavoriamo con un cucchiaio. Ad impasto formato, inseriamo il sale e l’acqua e lavoriamo ancora per qualche minuto, fino ad ottenere un impasto omogeneo e liscio. Aggiungiamo l’olio (anche di semi) e lavoriamo fino a farlo assorbire. Copriamo e lasciamo riposare per 1 ora e mezza a temperatura ambiente e ancora 1 ora e mezza in frigorifero.

Dividiamo l’impasto in 4 parti uguali e ripieghiamo ciascun panetto su se stesso, formando delle pagnottine rotonde e lisce. Le posizioniamo sul piano e lasciamo riposare qualche minuto. Allunghiamo ogni sfera leggermente, in modo da formare dei filoncini. Li inseriamo in uno stampo da plumcake imburrato e lungo 30 cm, distanziati. Copriamo e lasciamo lievitare fino al raddoppio.

Spennelliamo con olio di cocco e cuociamo in forno caldo e statico a 220° per 20 minuti, quindi ancora a 240° per altri 20 minuti.

Specifica: questo NON è il blog/sito ufficiale delle trasmissioni di cui trascrivo le ricette, quindi E’ sempre mezzogiorno, Detto Fatto, Cotto e mangiato ed altre, ma vuole essere solo un ‘taccuino‘ su cui appuntare ingredienti e procedimenti delle ricette più interessanti. Le immagini delle ricette sono tratte dai siti ufficiali/streaming dei programmi, ovvero:

https://www.raiplay.it/
https://www.mediasetplay.mediaset.it/

Vota questa post

Per restare aggiornati su questo argomento, seguiteci su Google News andando su questa pagina e cliccando il tasto con la “stellina”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *