“É sempre mezzogiorno”: panini al grano saraceno e formaggi di Fulvio Marino

panini al grano saraceno e formaggi di Fulvio MarinoDopo due lievitati dolci da incorniciare, preparati nelle puntate precedenti, Fulvio Marino torna al primo amore, al pane, preparandone però una versione del tutto originale e sfiziosa, a base di grano saraceno e con un ripieno filante. Ecco i panini al grano saraceno e formaggi.

Ingredienti

  • 700 g farina 0, 300 g farina di grano saraceno, 80 g zucchero, 50 g uovo (circa 1), 15 g lievito di birra, 300 g acqua, 250 g latte, 22 g sale, 80 g burro
  • 200 g gorgonzola, 200 g taleggio


Procedimento

In una ciotola, o in planetaria, mettiamo le due farine, 0 e grano saraceno, lo zucchero, l’uovo sbattuto, il latte, gran parte dell’acqua ed il lievito sbriciolato. Mescoliamo, quindi inseriamo il sale e l’acqua rimasta. Lavoriamo per qualche minuto, fino ad ottenere un impasto liscio ed omogeneo e, infine, aggiungiamo il burro morbido a pezzetti, lavorando l’impasto fino a quando il burro è stato completamente assorbito. Copriamo con la pellicola e lasciamo lievitare in frigorifero per 4 ore.

Trasferiamo l’impasto su un piano infarinato e lo allarghiamo con le mani, in modo da ottenere un rettangolo spesso 1-2 cm. Ricaviamo dei rettangoli e sul lato corto di un rettangolino mettiamo una listarelle di formaggio. Arrotoliamo l’impasto sul formaggio, quindi mettiamo un secondo pezzetto di formaggio ed arrotoliamo ancora, fino ad ottenere un panino. E’ lo stesso procedimento del pain au chocolat francese. Disponiamo i panini sulla teglia con carta forno, copriamo e lasciamo lievitare ancora fino al raddoppio (quando comincia a crepare in superficie). Cuociamo in forno caldo e statico a 220° per 15 minuti.

Ancora un’altra ricetta…

Iscriviti al canale Youtube

L’articolo “É sempre mezzogiorno”: panini al grano saraceno e formaggi di Fulvio Marino proviene da Ricette in Tv.

Per restare aggiornati su questo argomento, seguiteci su Google News andando su questa pagina e cliccando il tasto con la “stellina”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *