“É sempre mezzogiorno”: peperoni ripieni da ombrellone di Simone Buzzi

peperoni ripieni da ombrellone di Simone BuzziUltimo giorno di maggio, ultima buzzicata della stagione. Simone Buzzi torna in cucina, per la gioia di Evelina, con uno dei suoi piatti esagerati, un piatto estivo, da manuale. Ecco i peperoni ripieni da ombrellone.

Ingredienti

  • 2 peperoni gialli, 2 peperoni rossi, 250 g ditalini rigati, 1 spicchio d’aglio, 1 peperoncino fresco, 25 g acciughe sott’olio, 15 g capperi, 400 g polpa di pomodoro, 80 g olive nere denocciolate, prezzemolo, 120 g tonno sott’olio, 1 mozzarella, pangrattato, sale e pepe, olio evo

Procedimento

Cuociamo i ditalini rigati in acqua bollente e salata per il tempo necessario.

Per il sugo, in una padella, scaldiamo un filo d’olio con uno spicchio d’aglio, peperoncino fresco tritato e capperi dissalati. Uniamo la polpa di pomodoro e lasciamo cuocere. Uniamo il tonno sgocciolato e le olive nere. Lasciamo cuocere per 10 minuti.

Scoliamo i ditalini al dente, li condiamo con un filo d’olio e li lasciamo raffreddare. Li condiamo con il sugo di tonno ed il prezzemolo tritato.

Tagliamo via la parte superiore dei peperoni e li puliamo dai semi. Facciamo bollire in abbondante acqua i peperoni interi, cappelli compresi, per circa 10 minuti.

Farciamo i peperoni bolliti con la pasta al tonno e la mozzarella a dadini. Li posizioniamo su una pirofila, spolveriamo con il pangrattato e chiudiamo con i loro ‘cappelli’ e cuociamo in forno caldo e statico a 170° per 30 minuti.

Specifica: questo NON è il blog/sito ufficiale delle trasmissioni di cui trascrivo le ricette, quindi E’ sempre mezzogiorno, Detto Fatto, Cotto e mangiato ed altre, ma vuole essere solo un ‘taccuino‘ su cui appuntare ingredienti e procedimenti delle ricette più interessanti. Le immagini delle ricette sono tratte dai siti ufficiali/streaming dei programmi, ovvero:

https://www.raiplay.it/
https://www.mediasetplay.mediaset.it/

Vota questa post

Per restare aggiornati su questo argomento, seguiteci su Google News andando su questa pagina e cliccando il tasto con la “stellina”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *