“É sempre mezzogiorno”: polpettone genovese di Ivano Ricchebono

polpettone genovese di Ivano Ricchebono‘L’arrogante’ del cast, ovvero Ivano Ricchebono, arriva in cucina, per la gioia di Antonella e del pubblico (!), per preparare un’altra delle sue specialità che raccontano la Liguria. Oggi, nel dettaglio, Ivano prepara uno dei suoi piatti preferiti, il polpettone genovese.

Ingredienti

  • 1 kg fagiolini, 1 kg patate, 5 uova, 200 g formaggio grattugiato, 150 g pangrattato, maggiorana, olio evo, sale e pepe
  • 500 g patate, 100 g burro, 1 lime, noce moscata, sale e pepe

Procedimento

Lessiamo i fagiolini e le patate per il tempo necessario.

Mettiamo in un mixer capiente i fagiolini ben scolati e li tritiamo finemente. Uniamo le patate lesse e frulliamo ancora, fino ad ottenere un composto omogeneo. Trasferiamo la crema ottenuta in una ciotola ed aggiungiamo il formaggio grattugiato, le uova intere e mescoliamo. Aggiungiamo anche il pangrattato, in modo da rassodare l’impasto, e lo profumiamo con la maggiorana. Aggiustiamo di sale e pepe e trasferiamo l’impasto ottenuto all’interno di una tortiera ben unta con l’olio evo e spolverata con il pangrattato. Livelliamo, righiamo in superficie con una forchetta e spolveriamo con il pangrattato. Finiamo con un filo d’olio e cuociamo in forno caldo e statico a 180-200° per 20-35 minuti: dev’essere dorato.


Per il contorno, lessiamo le patate, le tagliamo a pezzettini e le mettiamo in planetaria con la foglia. Cominciamo a mescolare, in modo da sfaldarle. Aggiungiamo un goccino di latte e profumiamo con noce moscata, sale e pepe. A questo punto aggiungiamo il burro morbido o a pomata e lavoriamo fino ad ottenere un purè vellutato. Serviamo con una grattugiata di scorza di lime.

Ancora un’altra ricetta…

Iscriviti al canale Youtube

L’articolo “É sempre mezzogiorno”: polpettone genovese di Ivano Ricchebono proviene da Ricette in Tv.

Per restare aggiornati su questo argomento, seguiteci su Google News andando su questa pagina e cliccando il tasto con la “stellina”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *