“É sempre mezzogiorno”: spaccatelle al pesto siciliano di Fabio Potenzano

spaccatelle al pesto siciliano di Fabio PotenzanoE’ stata la meta preferita dagli italiani, quest’estate, che ne hanno ‘invaso’ le coste ed i ristoranti. La Sicilia torna protagonista a E’ sempre mezzogiorno, con Fabio Potenzano che ce ne regala ancora qualche scorcio, con la sua cucina. Oggi, in particolare, lo chef palermitano prepara un primo piatto con tutti i colori e gli odori della Sicilia, le spaccatelle al pesto siciliano.

Ingredienti

  • 360 g spaccatelle, 2 melanzane nere tonde, un ciuffo di basilico, 400 g pomodori rossi, 1 spicchio d’aglio, 50 g mandorle intere tostate, 100 g pomodori secchi, sale e pepe, olio evo

Procedimento

Laviamo le melanzane e, intere, le mettiamo a grigliare su una bistecchiera. Lasciamo cuocere finchè non sono cotte: infilziamo con una forchetta o premiamo con le dita e sentiamo se sono morbide al cuore. Una volta cotte, le tagliamo a metà e con un cucchiaio ricaviamo la polpa.

Prepariamo la crema di melanzane: nel bicchiere del mixer, mettiamo la polpa delle melanzane, l’olio evo, foglie di basilico, sale e pepe. Frulliamo con il mixer ad immersione.

Incidiamo la pelle dei pomodoro e li sbollentiamo per 10 secondi. Li scoliamo, li peliamo e li priviamo dei semi. Tagliamo la polpa di pomodoro a pezzetti.

Veniamo al pesto siciliano: nel frullatore, mettiamo l’aglio, il pomodoro fresco a pezzetti, i pomodori secchi sott’olio sgocciolati, il basilico fresco, mandorle intere tostate, un filo d’olio e sale. Frulliamo fino ad ottenere una crema.

Cuociamo le spaccatelle (o altra pasta secca) in acqua bollente e salata, per il tempo necessario. Scoliamo e saltiamo in padella con il pesto siciliano. Serviamo la pasta su un letto di crema di melanzane.

Ancora un’altra ricetta…

Iscriviti al canale Youtube

L’articolo “É sempre mezzogiorno”: spaccatelle al pesto siciliano di Fabio Potenzano proviene da Ricette in Tv.

Per restare aggiornati su questo argomento, seguiteci su Google News andando su questa pagina e cliccando il tasto con la “stellina”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *