“É sempre mezzogiorno”: torta al nocino di Daniele Persegani

torta al nocinoCuoco provetto, ballerino scatenato e pasticcere appassionato, Daniele Persegani prepara uno dei dolci tipici della bassa emiliana, un dolce della nonna. Ecco la torta al nocino.

Ingredienti

  • Frolla: 250 g farina 00, 125 g burro, 125 g zucchero, 3 tuorli, vaniglia, lievito per dolci, scorza di mezzo limone
  • Ripieno: 50 ml liquore nocino, 300 g mandorle pelate, 200 g amaretti, 100 g cioccolato fondente, 6 uova, 200 g zucchero, 100 g burro


Procedimento

Prepariamo la frolla: lavoriamo il burro morbido con lo zucchero, utilizzando le fruste. Uniamo i tuorli a temperatura ambiente, la vaniglia e la scorza grattugiata del limone. Lavoriamo e, ottenuto un composto omogeneo, uniamo la farina ed un pizzico di lievito. Lavoriamo fino ad ottenere un panetto compatto. Avvolgiamo nella pellicola e lasciamo riposare per mezz’ora in frigorifero.

Stendiamo la frolla ad uno spessore di circa 3-4 mm e la inseriamo all’interno di una tortiera imburrata ed infarinata, in modo da foderare il fondo ed i bordi.

Per il ripieno, separiamo i tuorli dagli albumi. Montiamo gli albumi a neve. A parte, lavoriamo i tuorli insieme allo zucchero, fino a renderli chiari e spumosi.

Sbricioliamo gli amaretti secchi e li inumidiamo con il liquore nocino. Con il mixer, tritiamo finemente le mandorle e le uniamo agli amaretti. Aggiungiamo anche il cioccolato tritato ed il burro fuso. Mescoliamo, quindi incorporiamo i tuorli montati con lo zucchero. Mescoliamo con la spatola e, ottenuto un composto omogeneo, incorporiamo gli albumi a neve, in più volte.

Versiamo il ripieno all’interno del guscio di frolla ancora crudo. Livelliamo e cuociamo in forno caldo e statico a 170° per 45-50 minuti: dev’essere dorata alla base. E’ più buona se la fate riposare a temperatura ambiente un paio di giorni prima di consumarla.

Ancora un’altra ricetta…

Iscriviti al canale Youtube

Per restare aggiornati su questo argomento, seguiteci su Google News andando su questa pagina e cliccando il tasto con la “stellina”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *