“É sempre mezzogiorno”: trofie al pesto patate e fagiolini di Ivano Ricchebono

trofie al pesto patate e fagiolini di Ivano Ricchebono‘L’arrogante’ del gruppo, Ivano Ricchebono, arriva in cucina con il suo carico di ingredienti squisitamente liguri e le sue ricette, a volte esaltanti, altre meno. Oggi, in particolare, prepara un piatto che profuma di basilico, ingrediente principe della cucina ligure, ovvero le trofie al pesto patate e fagiolini.

Ingredienti

  • 400 g farina di semola di grano duro, 200 ml acqua, sale
  • 2 mazzi di basilico genovese, 20 g pinoli, 1 spicchio d’aglio, 200 g parmigiano grattugiato, 50 g pecorino sardo, grani di sale grosso, 100 g olio evo, 2 patate, 300 g fagiolini

Procedimento

Per le trofie, lavoriamo la semola di grano duro con una presa di sale e l’acqua, fino ad ottenere un panetto liscio. Avvolgiamo nella pellicola e lasciamo riposare per almeno mezz’ora.

Formiamo dei serpentelli di circa 3-5 cm con l’impasto. Strisciamo ogni serpentello sul piano, premendo con il palmo della mano: otterremo come delle eliche sottili.

Prepariamo il pesto: al mortaio, pestiamo l’aglio ed i pinoli. Ottenuta una poltiglia, aggiungiamo dei grani di sale grosso e, pian piano, il basilico fresco. Ottenuta una crema, aggiungiamo il pecorino ed il parmigiano grattugiato e mescoliamo con il pestello o un cucchiaio. Aggiungiamo, quindi, l’olio evo e mescoliamo. Il pesto è fatto. Prima di usarlo, lo diluiamo con poca acqua di cottura della pasta.

In una pentola colma d’acqua, mettiamo a bollire i fagioli puliti e a pezzetti, le patate pulite e a cubetti piccoli. Successivamente, mettiamo a cuocere anche le trofie, per circa 10 minuti (dipende dalla grandezza). Scoliamo il tutto e trasferiamo in una ciotola. Uniamo il pesto e mescoliamo il tutto.

Ancora un’altra ricetta…

Iscriviti al canale Youtube

L’articolo “É sempre mezzogiorno”: trofie al pesto patate e fagiolini di Ivano Ricchebono proviene da Ricette in Tv.

Per restare aggiornati su questo argomento, seguiteci su Google News andando su questa pagina e cliccando il tasto con la “stellina”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *