Linea Verde – Prima puntata del 25 settembre 2022 – Si riparte dalla Sicilia.

Domenica 25 settembre 2022: prima puntata con la stagione 2022/2023 di Linea Verde, il programma di Raiuno dedicato all’agricoltura, all’ambiente e a tutto ciò che lo circonda. Alla conduzione confermati Beppe Convertini e Peppone.

Linea Verde Domenica

I conduttori riprendono la ricerca di cose buone e belle lungo gli infiniti percorsi che ci riserva il nostro Paese. Al centro della trasmissione ci sono i borghi con le loro ricchezze e tutta la filiera agricola che si dipana dai centri abitati alle campagne.

Da questa ricchezza di luce e di sapori, di agricoltura e allevamento, prendono vita e risorse le comunità locali che – a fronte di qualsiasi crisi e cambiamento – continuano a vivificare il territorio italiano e a conservare produzioni specifiche di altissima qualità che variano da territorio a territorio.

E poi una serie di esperti tra i quali le foodblogger Sara Brancaccio e Monica Caradonna, Francesco Gasparri che guiderà i telespettatori per i “cammini” più impervi e affascinanti, mentre il naturopata Ciro Vestita e il critico d’arte Costantino D’Orazio  offriranno altre occasioni di stupore e di visita delle bellezze naturali delle nostra Regioni.

Linea Verde | Prima puntata | Domenica 25 settembre 2022

La prima puntata di oggi c parte dal più estremo lembo di terra del nostro paese: l’isola delle Correnti, il punto più a sud d’Italia, e per dirlo con le parole di Gesualdo Bufalino: “i pochi centimetri di sabbia che calcate sotto le scarpe sono veramente stavolta, l’ultimo lembo d’Europa”.

La loro risalita passa da Capo Passero con il suo imponente faro, il piccolo borgo di Marzamemi, l’Oasi di Vendicari e Scicli per arrivare infine al cuore della Sicilia Sud orientale, Noto.  La fine dell’estate è il momento delle raccolte. Beppe Convertini, a Castelluccio, raccoglierà mandorle e carrube.

Peppone ad Avola, scoprirà la canna da zucchero, una delle coltivazioni che ha reso ricca la Sicilia ma scomparsa quasi completamente dal 1600.  A Marzamemi, dove sono mature al punto giusto le uve di grecanico e moscato, le viticoltrici del Val di Noto si scambieranno consigli sulla vendemmia di quest’anno, mentre nelle serre di Scicli si coglieranno verdure molto particolari.

Francesco Gasparri, camminatore solitario condurrà alla scoperta dell’antica e abbandonata città di Noto. Un salto indietro nel passato per capire da dove ha origini il nostro viaggio di oggi. Finale in bellezza con un dolce che esprime il carattere e la storia della Sicilia: la cassata.

Vota questa post

Per restare aggiornati su questo argomento, seguiteci su Google News andando su questa pagina e cliccando il tasto con la “stellina”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.