Melaverde – Ottava puntata del 29 maggio 2022 – Mete, luoghi e temi.

Ottava puntata, della nuova stagione di Melaverde. Il programma itinerante di Canale5 che nasce nel 1998 su Rete4, dov’è stato trasmesso fino a sei anni fa. Il successo Auditel, poi, gli è valsa la promozione sulla rete ammiraglia.

Melaverde

Alla conduzione del programma la coppia delle scorse due stagioni, ossia Vincenzo Venuto con al fianco Ellen Hidding. Insieme raccontano le bellezze del nostro paese anche questa volta, come ogni domenica, dalle 11:50. Scopriamo, nel dettaglio, gli argomenti della puntata di oggi.

Melaverde | Puntata 29 maggio 2022

In questa puntata si va a Ostana, uno dei “borghi più belli d’Italia”. Un piccolo gioiello, abitato da poche decine di persone, che si trova sui pendii della valle del Po, in Piemonte, dominati dalla spettacolare mole delle pareti nord est del gruppo del Monviso.

Qui, Roberto e la sua famiglia, allevano capre da Cashmere e alpaca.  Le capre Cashmere sono dotate di una specie di “coperta” che cresce sotto il pelo che le ricopre; una fibra finissima ma caldissima, grazie al fatto di essere vuota all’interno, come una camera d’aria, cosa che permette di isolare il corpo e mantenere il calore. Questa fibra è il Cashmere. Matteo, il figlio di Roberto, si occupa invece della coltivazione di erbe officinali di montagna e della produzione di liquori artigianali. Marina, la mamma, cura l’agriturismo e la cucina.

Poi si va in provincia di Siena, nel cuore della Toscana, nella Valdelsa, nel Comune di Casole d’Elsa, un borgo storico dove vivono meno di 4000 persone ma anche un luogo ricco di storia umana e agricola. Il borgo ha un castello al centro e una cinta muraria importante, e questo ci racconta come un tempo questo fosse un luogo da proteggere; qui passava la via Francigena che collegava il nord Europa alla Roma dei Papi; qui c’era il confine tra Siena e Firenze.
Era un luogo di passaggio di merci; ma chi non si occupava di commercio, inevitabilmente si occupava di agricoltura. Lavorava la campagna, allevava animali. Una realtà che è ancora forte e viva. Oggi qui convivono vecchie e nuove tradizioni, animali storici e animali che un tempo non c’erano. I più storici e antichi sono i suini di razza Cinta Senese, che fin dall’Alto medioevo sono stati i signori di questi boschi di leccio, quercia e castagno.
E poi le pecore Pomarancine, rustiche e forti, capaci di colonizzare anche i terreni più difficili della zona. Ma sono arrivati anche animali nuovi, come le vacche Limousine che oggi vengono allevate da Nicoletta in una azienda di 1000 ettari in totale regime biologico.

Le storie di Melaverde

Alle 11:20 circa, come sempre, andranno in onda le Storie di Melaverde, approfondimenti di temi già trattati ma riproposti in una chiave nuova.

(Temi di puntata dai social del programma)

Vota questa post

Per restare aggiornati su questo argomento, seguiteci su Google News andando su questa pagina e cliccando il tasto con la “stellina”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.